mercoledì 10 agosto 2016

Ho il blocco dello scrittore!

Salve!
In questi ultimi giorni, prima di andare in vacanza con la famiglia del mio ragazzo e in seguito alla traduzione di Die indischen Opale, mi sto dedicando alla prima stesura del mio futuro romanzo, ma proprio oggi ho scritto solamente una pagina del nono capitolo sui 14 previsti. 


Forse è la consapevolezza di stare per introdurre un personaggio chiave nella storia (in questo senso ho anche procrastinato: avrei dovuto inserirlo già al settimo capitolo!), sicuramente è l'odore dei pomodori datterini a distrarmi insieme a Dawson's Creek nelle cuffie, fatto è che ho il blocco dello scrittore!

Per questo ne approfitto per aggiornarvi sulle ultime decisioni di questa stesura. 
Quando ho ripreso in mano il testo, dopo mesi molto impegnati, ho preferito tornare indietro prima di proseguire. 

  • Ho svuotato il prologo e spostato al primo capitolo il breve frammento che avevo messo provvisoriamente lì: sono convinta che bisogna prima completare il tutto, per poi mettere una scena topica, inoltre, come suggerito anche da un vero gruppo come L'isola della scrittura felice (Link del gruppo FB "L'isola della scrittura felice"), inserire scene descrittive in un prologo può avere come effetto una perdita di interesse da parte del lettore e tutto voglio fuorché questo;
  • ho scelto di ricorrere alla 3° persona per quanto riguarda la voce narrante e di lasciare la 1° nelle parti diaristiche, così da avere un distacco evidente fra presente e passato, e andando così contro ciò che scrissi sul vecchio blog Wix:

quando sono arrivata al secondo capitolo mi sono stoppata perché non sapevo come mettere un personaggio in relazione con un'amicizia profonda. Ecco che d'improvviso il personaggio mi guidava verso una terra ancora sconosciuta, facendomi così proseguire nella scrittura verso vie non previste: la delicata infatuazione verso una persona dello stesso sesso. Nonostante abbia amicizie omosessuali, ci sono ancora aspetti che ignoro a livello meramente emotivo perché a me è sempre piaciuto il sesso opposto. Considerato pure che il suddetto personaggio parla in prima persona, non voglio correre il rischio di parlare di argomenti di cui non ho la competenza o far sì che il lettore veda nell'uso della prima persona un mio lato latente che in realtà nemmeno esiste: ognuno sceglie il proprio orientamento e non sto a giudicarlo, anzi, cerco di comprenderlo e di farlo mio nonostante il mio limite meramente emotivo, ma a conferma della mia eterosessualità e soprattutto a conferma della distinzione fra narratore (colui che racconta le vicende) e autore (chi le ha in mente e le scrive), ti garantisco che a me piace troppo l'omm! :D
Ho difatti ridimensionato il rapporto a mera amicizia, inserito diversi eventi autobiografici e introdotto un personaggio che si è palesato da solo, mentre facevo collage fra le parti di bozza già scritte;

  • ho deciso di ricorrere all'italiano nella parte diaristica, così da risultare comprensibile ai più;
  • ho cambiato quasi tutti i nomi dei personaggi;
  • ho fatto diverse ricerche a livello di trucchi, luoghi, auto, ne farò delle altre;
  • sto trovando molto utile il libro Vogueabolario - le parole della moda di Giovanna Errore (Link Youcanprint "Vogueabolario - le parole della moda").

Bon, credo di non avere altri aggiornamenti da riportare, tranne che scrivere nella propria lingua madre permette di conoscere le diverse sfumature lessico-grammaticali, di approfondire degli argomenti studiati a scuola tempo addietro, di fare nuove scoperte sulla propria lingua e cultura.


Mentre cerco ispirazione per introdurre il Grande Ufficiale (il personaggio accennato poc'anzi), vi invito nuovamente a gustare questa fantastica parte del mio cartone animato preferito: Rossana. Andate al minuto 4:15 oppure godetevi tutta la puntata!

Nessun commento: