giovedì 1 settembre 2016

A proposito di fertility day, vorrei poter pensare che...

...basti l'amore per creare una famiglia, il famoso "due cuori e una capanna", ma purtroppo non è così.
Innanzitutto bisogna avere la fortuna di avere una casa di proprietà (così da non dover pagare il fitto) e un lavoro stabile (così da essere indipendenti e soddisfatti). Vogliamo mettere, inoltre, la presenza della materia prima e una condizione fisica adeguata, cioè essere dotati di fertilità?
In aggiunta a ciò, personalmente non voglio viziare la mia futura prole (papà mi chiamava Ministro delle Finanze per la mia morigeratezza e davvero ho solo il "vizio" dei libri), ma vorrei trasmettere ai miei futuri figli l'amore per se stessi (ciò che si può nutrire e dimostrare anche facendo il lavoro che si ama) e dare loro i mezzi necessari al raggiungimento dei loro sogni (e si sa che in Italia oggigiorno senza soldi non si cantano messe: bisogna investire a livello economico per garantire loro il diritto allo studio e al lavoro).
Mi si potrà dire "Ai miei tempi si figliava a occhi chiusi e si viveva in tanti nella miseria", "c'era la guerra eppure si sopravviveva, senza vizi e con un solo stipendio" ed è sicuramente così, non metto in dubbio che certi valori di una volta provengano da situazioni non sempre semplici. Tuttavia, a parte il fatto che i tempi sono cambiati, inoltre ho vissuto sia la povertà sia la giusta agiatezza e l'arte dell'arrangiarsi è insito nel mio DNA.
Infine, non mi sento di diventare mamma se non ho prima io una stabilità e indipendenza economica e mentale. Che esempio può dare alla prole un genitore frustrato, che si è arreso alle prime difficoltà, che non ha perseguito e messo in pratica un proprio sogno che comporta sì dei sacrifici, ma che almeno dà anche una soddisfazione professionale ed economica in grado di sostenere la famiglia sia nell'amore spirituale sia nel benessere socio-culturale?

- Non aggiungo altri ambiti (coppie sterili, adozioni, scelta di rimanere celibi/nubili, etc.) perché mi sono bastati alcuni Tweet anche ironici -

Nessun commento: