Intervista a Maria Rosaria Ricci

Buonasera!
Ecco la seconda intervista a una vincitrice speciale del mio giveaway: Maria Rosaria Ricci.
Ho avuto l'onore di conoscerla nel momento in cui le ho consegnato la copia del mio libro Poesie di periferia a volo. Di solito uso la macchina solo per andare al carcere, dove insegno, ma non potevo lasciarmi sfuggire questa occasione di incontrare un'autrice napoletana come me a metà strada. Così io e lei ci siamo scambiate un sorriso e le ho dato a mano la mia busta. La cosa più bella è che, poco prima di contattarmi lei, io ero rimasta colpita dalla copertina del suo libro. Conosciamola insieme!

Biografia:
Nasce a Napoli il 28/09/1979. Affetta da tetraparesi spastica a causa di un parto difficile, non ha mai tralasciato le proprie difficoltà motorie, considerandole un trampolino di lancio
verso la Normalità.
Diplomata in Scuole Magistrali, ha due grandi passioni: l’informatica e la scrittura.
Scrittura come espressione dei sentimenti che l’ha portata ad avvicinarsi a diversi concorsi letterari, ricevendo riconoscimenti e premi di non poca importanza.
Costantemente impegnata a rimuovere ideologie legati al sociale e al mondo della Disabilità, ha assunto diverse cariche di responsabilità come consigliera dell’AGVH di Pomigliano d’Arco e, da pochi mesi, consigliera della Sotto-sezione dell’Unitalsi di Napoli.
Atleta di sport equestri per disabili ha partecipato a gare Regionali Interregionali e Nazionali
di Equitazione.
Per lei “negare le differenze non è un’arma per combatterle”, mentre non basta riconoscere
la disabilità per quel che è. È fondamentale potercisi e, soprattutto, volercisi misurare.



Abilmente - Il coraggio di non arrendersi:
Ancora una volta la scrittura riesce ad esprimere sentimenti ed emozioni lasciando che i lettori si possano immergere in un racconto  vero, in una  testimonianza toccante.
Il libro “Abilmente - Il coraggio di non arrendersi” racconta la storia e la vita, le fortune e le sfortune, le gioie, i  dolori e le emozioni vissute da Maria Rosaria Ricci.
L'idea del  libro,  afferma l’autrice, nasce dalla lettura di generi diversi tra romanzi, narrativa e storie vere, tenendole compagnia nei lunghi pomeriggi, sentendo il desiderio, ma anche la necessità, di raccontare attraverso la scrittura, superando le difficoltà di linguaggio legate alla sua  condizione di disabilità.  
Più che una biografia sembra un manuale di insegnamento, che insegna a Vivere con la V maiuscola, ti insegna ad apprezzare, ad avere pazienza, a piangere, ridere e gioire, ti insegna ad amare.
Esordisce l’autrice: “Tutto ha inizio con tre segreti: la noce, il ragno e l'auto accettazione….. Ho sempre pensato che ad ogni limitazione c’è un mezzo per superarla, la scrittura  per me è uno  dei tanti!! … Non sto qui a svelarvi il significato, altrimenti si perderebbe il gusto della lettura. Solo dopo aver letto, somatizzato e interiorizzato i tre segreti, consiglio di andare avanti con la lettura per scoprire, capitolo dopo capitolo, le avventure e disavventure di Maria Rosaria.
Un racconto che svela i sogni, le difficoltà e le emozioni di una ragazza che, nonostante la sua “diversità”, vive in pieno la sua vita, in modo gioioso e mai rancoroso, determinata a conquistare giorno per giorno nuove mete ….. con “il coraggio di non arrendersi”. 

Per chi ne vuol sapere di più e per acquistarlo, potete contattare Maria Rosaria Ricci in privato e/o seguire la Pagina FB di Abilmentehttps://www.facebook.com/mariarosariaricciabilmente/.
  • Link Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=h0PFMa8GfW4&t=350s.

Intervista:

Ciao Maria, ecco l'intervista richiesta con tanto piacere!
  1. Domanda di riscaldamento: se potessi usare 3 aggettivi per descrivere la tua opera, quali sceglieresti? Scorrevole, positiva, grintosa.
  2. Hai scelto nomi fittizi o reali per la tua opera?  Sono tutti nomi reali.
  3. Qual è stata la tua più grande vittoria? Beh, le grandi vittorie avvengono ogni qualvolta riesco a superare i limiti imposti dal mio essere disabile. La più grande credo sia stata quella di vedermi realmente al volante della mia macchina.
  4. Ti è mai capitato di ritrovarti da sola a lottare per un ideale? Se sì, come ti sei sentita e cosa hai fatto?  Per me lottare per un ideale è mettere in campo una serie di strumenti validi per un raggiungimento di un obiettivo o un ideale, anche se spesso si è costretti ad andare controcorrente.
  5. Che progetti hai per il tuo futuro artistico? I miei progetti per il futuro sono legati sempre al mondo della scrittura, mi piace molto scrivere ciò che in silenzio sento dentro me... credo che un prossimo progetto sarà un libro di poesie. Mi piacerebbe impegnarmi nel mondo dell’informazione che mi veda inserita in una redazione o un sito web, potenziando e sviluppando le mie capacità.
  6. Quanto pensi siano attrezzati i luoghi pubblici (scuola, ASL, ecc.) per abbattere le barriere architettoniche?  Grazie a varie normative sull'abbattimento delle barriere architettoniche, molti edifici pubblici e privati si stanno adeguando. C’è tanto da fare ancora per far crollare giù ogni tipologia di barriere fisica e mentale.
  7. Come ti vedi fra 5 anni?  Mi auguro di avere la stessa tenacia che mi ha permesso di lasciare niente al caso, trovando in me il coraggio di non arrendermi mai.
Risposte profonde per un'autrice autentica con così tanto da insegnare. Grazie mille!
Prossimamente avremo una nuova intervista, ma fino a quel momento voglio ricordarvi che da stasera al 13/4 ci sarà un nuovo ciclo di webinar su due testi diversi fra loro, ma accomunati da un elemento: il mondo tedesco.
Volete scoprire quali sono?
Seguite quest'iniziativa e gli #autoriinvideo sul gruppo Facebook UPA - Un Pianeta Artistico! Stasera alle ore 21:00 ci sarà la prima diretta!

https://www.facebook.com/groups/2019317278302875/

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "Notre-sfighe de MIUR", "Dio, ma quanto è ingiusto il MIUR"

Rivisitazione whoviana di una canzone del grande Luciano Ligabue!